IL CENTRO MISSIONARIO INFORMA…

❶ Vanno e vengono
La Giornata Missionaria è terminata, ma loro rimangono!
Stiamo parlando dei Missionari e delle Missionarie che ci onorano della loro presenza. Quest’anno infatti contrariamente a quanto avviene di solito, quest’anno abbiamo la fortuna di averne tra noi alcuni:

  • don Federico BRAGONZI fidei donum in Uruguay
  • padre Renato RIBONI consolata in Colombia
  • A questi si aggiungono diversi laici e laiche che, durante l’estate hanno fatto esperienze missionarie.    CONTATTATECI!

Ritiro di Avvento
Ricordiamo che oggi sabato 3 dicembre avrà luogo, a partire dalle ore 15,   presso il Centro S. Luigi, in via Bottesini, 4, il consueto Ritiro di Avvento.  Anche quest’anno, come stiamo facendo da qualche anno a questa parte, lo vivremo insieme all’Azione Cattolica, alla Caritas e alla Migrantes. Don Marco D’AGOSTINO,  sacerdote cremonese, da molti anni impegnato con gli adolescenti e i giovani, ci guiderà sul tema:   LA MISERICORDIOSA CARITÀ.  Come sempre  si concluderà con la recita del Vespro e la Benedizione Eucaristica.

Avvento di Fraternità 2016
L’Avvento è sempre un momento, oltre che riflessione, anche di condivisione con  tutti: con i vicini e i lontani. A volte chi ha bisogno si trova a pochi passi da noi ed ecco la proposta della CARITAS:

  • In questo periodo di difficoltà la Casa di Accoglienza funge anche da mensa per i poveri accogliendo quotidianamente gli ospiti del Rifugio S. Martino e altre persone povere o di passaggio. Ogni giorno si accolgono circa 20 persone oltre ai regolari ospiti (27) della struttura. Ogni pasto costa 5 euro.

          Pensando ai Lontani il CENTRO MISSIONARIO si fa portavoce di due richieste:

  • Perù – ristrutturazione dell’ambulatorio parrocchiale e della farmacia del Centro Comunitario della Parrocchia della Visitazione a Lima. Referente Padre Giuseppe MIZZOTTI
  • Argentina – acquisto poltrone nuove per il servizio di emodialisi presso l’Ospedale Italiano di La Plata. Referente Madre Felicita RIBOLI

Nell’  ALLEGATO   la presentazione del progetto in Perù

Relazioni registrate
Le relazioni degli incontri presentati nella rassegna “GUARDO ALTO” (vedi punto successivo) sono tutte registrate e, al più presto saranno poste sul sito del Centro Missionario. Saranno anche copiate su chiavette usb (pendrive) e messe a disposizione di chiunque lo desideri.

TEMPO – SPIRITUALITÀ – MISERICORDIA

INDIALorenzo Caporali è un giovane di ventitré anni che quest’anno ha vissuto un’esperienza di Missione di sei mesi in India con il Pime. Durante la Veglia Missionaria, che si è svolta in Duomo il 15 ottobre, ha comunicato la ricchezza e l’unicità di quanto vissuto.

 Ho conosciuto la realtà del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere) attraverso il mio tirocinio universitario negli uffici di Educazione e Mondialità, e da subito mi sono inserito in questo ambiente. Avevo già espresso il mio desiderio di missione, coltivato nel tempo dalle varie testimonianze ed incontri. Il Pime mi ha permesso di realizzare questo mio desiderio di partire.
Per prepararmi al meglio per l’esperienza, i padri missionari mi hanno proposto di far vita comunitaria al centro missionario a Milano, in modo da sfruttare il mio tempo prima della partenza per conoscere, confrontarmi e formarmi. Il 3 di Aprile sono atterrato in India e da lì è iniziata la mia avventura-esperienza che ho descritto nella veglia missionaria a Crema attraverso tre parole: Tempo, Spiritualità e Misericordia. La comunicazione  continua nell’ ALLEGATO
 

HO PERSO UN AMICO

IMMAGINI-1Frei BETTO, teologo, scrittore, saggista brasiliano è una delle menti più lucide del continente latinoamericano. Fece scalpore quando, nel 1980, quindi in piena dittatura, pubblicò il libro Fidel e la religione, frutto di vari incontri col Líder Máximo cubano e che ampia risonanza in tutto il mondo.
Pubblichiamo questo ricordo, che forse può sembrare minimalista, ma che aiuta a comprendere la variegata personalità di una delle figure più importanti della nostra storia.

Perdo un grande amico. Il nostro ultimo incontro fu il 3 di agosto, quando compì 90 anni.
Mi ricevette nella casa sua, a L’Avana, e, alla sera, andammo al Teatro Karl Marx, dove gli resero omaggio con uno spettacolo musicale. Nonostante avesse un organismo debilitato, camminò senza appoggio dall’entrata del teatro fino alla sua poltrona.
Con Fidel scompare l’ultimo grande leader politico del XX secolo, l’unico che è riuscito a sopravvivere più di 50 anni alla propria opera: la Rivoluzione Cubana. Grazie ad essa la piccola isola ha smesso di essere il postribolo dei Carabi, sfruttato dalla mafia, per diventare una nazione rispettata sovrana e solidale, che mantiene professionisti della salute e della educazione in più di cento Paesi, compreso il Brasile.  L’articolo continua nell’ ALLEGATO

FIOCCO ROSA!

fiocco rosa

 

Dopo tanta apprensione, ma accolta da mani attente e premurose è arrivata Petra, secondogenita di Marco e Alba. Alba è la “storica” segretaria dell’Ufficio Missionario, nonché della Pastorale Giovanile. Ai nonni, ai genitori e soprattutto alla neonata le felicitazioni e gli auguri di tutti noi.

MESSICO – XII CAROVANA DELLE MADRI ALLA RICERCA DEI LORO FIGLI SCOMPARSI MENTRE EMIGRAVANO

migrantes on lineSono una cinquantina le madri dei giovani migranti scomparsi che hanno dato vita all’edizione 2016 di quella che ormai è nota come la Carovana delle Madri. La Carovana è partita nei giorni scorso da La Mesilla, Ciudad Cuahutemoc, città al centro dello stato messicano di Chihuahua, considerata la porta alla regione della Sierra Tarahumara. Da qui la Carovana percorrerà 11 stati e 30 località. L’iniziativa, che compie 12 anni, sempre nel segno della speranza e della testimonianza, quest’anno ha scelto come slogan “Buscamos vida en caminos de muerte” (Cerchiamo la vita per le strade della morte) ed è in memoria di Berta Caceres, ambientalista honduregna assassinata il 3 marzo scorso.
Quest’anno si è potuto seguire il percorso completo della Carovana anche su internet, grazie alla collaborazione del Movimento Migrante Mesoamericano che sostiene l’iniziativa. La conclusione il 3 dicembre, quando la Carovana arriverà a Ciudad Hidalgo, nel Chiapas, dove si svolgerà una cerimonia lungo il fiume, a Tapa Chula. Fra le principali città che toccherà la carovana ci sono Comitan, San Cristobal, Villahermosa, Cordoba-Veracruz, San Luis Potosi, Ciudad de Mexico e Puebla.
Parte della carovana è partita il 10 novembre e ha già percorso qualche paese del CentroAmerica, come Guatemala, Honduras, El Salvador e Nicaragua, ma il tratto dentro il Messico è quello decisivo. Proprio per questo si vuole sottolineare che l’ingresso in Messico avviene su tutta la frontiera, ed è qui che i migranti in transito vengono presi di mira da trafficanti di persone, reti criminali, gruppi di “coyotes”, ecc. Lo scopo della Carovana è attirare l’attenzione dei media nazionali ed internazionali per dare voce alle madri che formano questa carovana di denuncia e di ricerca dei loro figli, contattati l’ultima volta in qualche parte del territorio messicano.    Migrantes on line – 21.11.16

20/11/2016. LA PAROLA DEL PAPA: DIO HA MEMORIA DI NOI, NON DEL PECCATO

doc2La solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo corona l’anno liturgico e questo Anno santo della misericordia. Il Vangelo presenta infatti la regalità di Gesù al culmine della sua opera di salvezza, e lo fa in un modo sorprendente. «Il Cristo di Dio, l’eletto, il Re» (Lc 23,35.37) appare senza potere e senza gloria: è sulla croce, dove sembra più un vinto che un vincitore. La sua regalità è paradossale: il suo trono è la croce; la sua corona è di spine; non ha uno scettro, ma gli viene posta una canna in mano; non porta abiti sontuosi, ma è privato della tunica; non ha anelli luccicanti alle dita, ma le mani trafitte dai chiodi; non possiede un tesoro, ma viene venduto per trenta monete.

 Carissimi Fratelli e Sorelle,

 Davvero il regno di Gesù non è di questo mondo (cfr Gv 18,36); ma proprio in esso, ci dice l’Apostolo Paolo nella seconda lettura, troviamo la redenzione e il perdono (cfr Col 1,13-14). Perché la grandezza del suo regno non è la potenza secondo il mondo, ma l’amore di Dio, un amore capace di raggiungere e risanare ogni cosa. Per questo amore Cristo si è abbassato fino a noi, ha abitato la nostra miseria umana, ha provato la nostra condizione più infima: l’ingiustizia, il tradimento, l’abbandono; ha sperimentato la morte, il sepolcro, gli inferi. In questo modo il nostro Re si è spinto fino ai confini dell’universo per abbracciare e salvare ogni vivente. Non ci ha condannati, non ci ha nemmeno conquistati, non ha mai violato la nostra libertà, ma si è fatto strada con l’amore umile che tutto scusa, tutto spera, tutto sopporta (cfr 1 Cor 13,7). Solo questo amore ha vinto e continua a vincere i nostri grandi avversari: il peccato, la morte, la paura.     
  La riflessione continua nell’  ALLEGATO

LA MISERICORDIA SI FA PROFEZIA SE DIVENTA SCELTA POLITICA

SPRINGHETTIIl più grande nemico della misericordia è la paura. E per vincerla bisogna combattere l’iniquità. Una riflessione di Paola SPRINGHETTI giornalista freelance e docente di giornalismo presso la Pontificia Università Salesiana.

A proposito dell’elezione di Donald Trump, Papa Francesco, con il suo modo di parlare franco, ha detto: «Non do giudizi sulle persone e sugli uomini politici, voglio solo capire quali sono le sofferenze che il loro modo di procedere causa ai poveri e agli esclusi» (Intervista a “Repubblica”, 11 novembre). Confermando così la sua scelta di non interferire nelle scelte politiche dei governi laici, regolarmente eletti, ma di continuare a difendere con determinazione poveri ed esclusi.
  La riflessione continua nell’ ALLEGATO

IL CENTRO MISSIONARIO INFORMA…

❶ Vanno e vengono…

La Giornata Missionaria è terminata, ma loro rimangono!

Stiamo parlando dei Missionari e delle Missionarie che ci onorano della loro presenza. Quest’anno infatti contrariamente a quanto avviene di solito, quest’anno abbiamo la fortuna di averne tra noi alcuni:

  • don Federico BRAGONZI fidei donum in Uruguay
  • padre Renato RIBONI consolata in Colombia
  • A questi si aggiungono diversi laici e laiche che, durante l’estate hanno fatto esperienze missionarie.

         CONTATTATECI!

3 DICEMBRE Ritiro di Avvento

 L’Autunno è ormai inoltrato e siamo arrivati all’Avvento, il periodo preparatorio, lungo quattro settimane che precede il Natale. Com’è consuetudine consolidata il Centro Missionario offre un’opportunità di riflessione che permetta una preparazione più approfondita e consapevole alla Festa del Natale. È quello che chiamiamo Ritiro di Avvento. Da qualche anno a questa parte ci sforziamo di condividere questo ritiro con altre Associazioni diocesane con le quali abbiamo obiettivi comuni. Quest’anno lo vIvremo insieme all’Azione Cattolica, alla Caritas e alla Migrantes ed avrà luogo sabato 3 dicembre alle ore 15, presso il Centro S. Luigi, in via Bottesini, 4. Don Marco D’AGOSTINO, sacerdote cremonese, da molti anni impegnato con gli adolescenti e i giovani, ci guiderà sul tema: LA MISERICORDIOSA CARITÀ. Si concluderà con la recita del Vespro e la Benedizione Eucaristica.

Avvento di Fraternità

L’Avvento è sempre un momento, oltre che riflessione, anche di condivisione con tutti: con i vicini e i lontani. A volte chi ha bisogno si trova a pochi passi da noi ed ecco la proposta della CARITAS:

  • In questo periodo di difficoltà la Casa di Accoglienza funge anche da mensa per i poveri accogliendo quotidianamente gli ospiti del Rifugio S. Martino e altre persone povere o di passaggio. Ogni giorno si accolgono circa 20 persone oltre ai regolari ospiti (27) della struttura. Ogni pasto costa 5 euro.

 Pensando ai Lontani il CENTRO MISSIONARIO si fa portavoce di due richieste:

  • Perù – ristrutturazione dell’ambulatorio parrocchiale e della farmacia del Centro Comunitario della Parrocchia della Visitazione a Lima.
  • Argentina – acquisto poltrone nuove per il servizio di emodialisi presso l’Ospedale Italiano di La Plata.             

         La prossima settimana i PROGETTI saranno presentati dettagliatamente

Relazioni registrate

Le relazioni degli incontri presentati nella rassegna “GUARDO ALTO” (vedi punto successivo) sono tutte registrate e, al più presto saranno poste sul sito del Centro Missionario. Saranno anche copiate su chiavette usb (pendrive) e messe a disposizione di chiunque lo desideri.

“GUARDO ALTO”: …E NOI DOVE CI COLLOCHIAMO?

BUSCEMICon l’incontro del 22 novembre si è  concluso il ciclo di incontri intitolato “GUARDO ALTO”. Ospite e rel trice Maria Soave BUSCEMI, laica, missionaria “fidei donum”  e biblista in Brasile presso il CEBI e in Italia presso il CUM  di Verona.  È stato l’incontro finale, ma non per questo meno intenso e ricco di spiritualità. Partendo dalle grandi tematiche (grandi perché rivolte al mondo) abbiamo piano piano ristretto l’ambito a noi, presenti e piccoli, ma capaci di aprire la mente e le braccia a tutti coloro che hanno bisogno: i “Nessuno”, la 13a tribù di Giacobbe.

E’ proprio dalla Bibbia siamo partiti, ponendoci una domanda apparentemente banale: quante sono le tribù di Giacobbe? Dodici, come ci viene spontaneo rispondere? E invece scopriamo con stupore che sono 13, perché Giuseppe aveva una figlia, Dina, l’unica donna violata tra i patriarchi. E’ Dina la capostipite della 13° tribù, quella dei derelitti, dei nessuno, come ti definisce Eduardo Galeano nell’omonimo libro. E’ una tribù che si aggira trasversalmente ovunque. Quante volte l’abbiamo incontrata? Quante volte abbiamo incollato la nostra pelle, come ci chiede di fare Papa Francesco?
Continua nell’  ALLEGATO  la riflessione di M. Soave Buscemi

Per approfondire vi segnaliamo l’ultimo libro scritto da Soave Buscemi:

  • LE TREDICI LUNE La memoria occultata delle donne nei Vangeli – EMI – 2011

Ricordiamo che GUARDO ALTO è stato il felice risultato dell’incontro e della collaborazione di due diocesi, Crema e Cremona e dall’Associazione Amici del Brasile Onlus per aiutare tutte le persone di buona volontà a leggere una realtà sempre più sfuggente sapendovi operare in modo costruttivo.