CONTRO LA PENA DI MORTE

Dopo l’Angelus il papa ha rivolto un accorato quanto esplicito e pressante invito contro la pena di morte, chiedendone addirittura la sospensione in questo anno della Misericordia. Di seguito l’appello per esteso.

Domani avrà luogo a Roma un convegno internazionale dal titolo “Per un mondo senza la pena di morte”, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio. Auspico che il simposio possa dare rinnovato impulso all’impegno per l’abolizione della pena capitale. Un segno di speranza è costituito dallo sviluppo, nell’opinione pubblica, di una sempre più diffusa contrarietà alla pena di morte anche solo come strumento di legittima difesa sociale. In effetti, le società moderne hanno la possibilità di reprimere efficacemente il crimine senza togliere definitivamente a colui che l’ha commesso la possibilità di redimersi.

 

 

Read More

LA PREGHERA ALLA MADONNA DI GUADALUPE E’ L’IMMAGINE SIMBOLO DEL VIAGGIO DEL PAPA IN MESSICO

Anche il viaggio in Messico, come tutti i precedenti, ha suscitato molto interesse per i luoghi visitati, le persone incontrate, i messaggi chiari e puntuali offerti a tutti. Riportiamo a commento di tutto ciò la riflessione di Fabio Zavattaro , giornalista dell’Agenzia SIR (Servizio di Informazione Religiosa).

Nostra Signora di Guadalupe, prega per noi!

Papa Francesco in silenziosa preghiera davanti la Morenita, la Madonna di Guadalupe, è sicuramente l’immagine simbolo di questo viaggio in Messico, ferito dalla corruzione, dalla violenza, dal narcotraffico, metastasi che divora. È un Papa che consegna alla madre di Dio sofferenze e lacrime del popolo messicano, perché nella costruzione del “santuario della vita” nessuno può essere lasciato fuori e tutti siamo necessari specialmente quelli che non contano perché non sono all’altezza delle circostanze.

L’articolo continua nell’  ALLEGATO

INDOVINA CHI VIENE A PRANZO?

Segnaliamo la bella iniziativa promossa dalla Caritas e dalla Parrocchia dei Sabbioni : INDOVINA CHI VIENE A PRANZO? Si tratta di invitare durante i fine settimana di quaresima e durante l’anno a pranzo, due o più giovani richiedenti asilo politico. Permettiamo a questi fratelli di sperimentare a casa nostra l’accoglienza, il calore e la condivisione di un pasto insieme.

Per prenotare è sufficiente compilare il modulo che si può trovare on-line su www. caritas.it,oppure chiamare Gabriella Sali al numero telefonico 338.9171291.  Leggi la  locandina allegata

PARLARE AI BAMBINI DI INTERCULTURA CON UN VIDEOGIOCO EDUCATIVO

La formazione all’Intercultura è una dimensione irrinunciabile dell’educazione dei bambini e sempre più necessaria per un sano e positivo confronto con le altre culture nella nostra società globalizzata

. Il progetto educativo ‘Il MONDO IN GIOCO’, promosso dalla Fondazione Migrantes in collaborazione con l’associazione MamApulia, vuole educare all’incontro con l’altro, ed è destinato ai bambini di età compresa tra i 4 e i 7 anni, utilizzando metodologie e finalità proprie per questa fascia di età. Insegnare a scuola ad accogliere la differenza e porre le basi della consapevolezza al rifiuto di ogni forma di intolleranza e discriminazione, per comprendere i grandi temi globali sociali, cercando di suscitare atteggiamenti empatici nei bambini diviene doveroso oggi, perché la scuola rappresenta il luogo nel quale i bambini sperimentano e vivono le differenze culturali, di lingua, tratti somatici, riferimenti religiosi, tradizioni, gesti e modi del linguaggio non verbale. Con il progetto “MONDO IN GIOCO”, la Fondazione Migrantes ha inteso inaugurare, accanto ai già consolidati ambiti di ricerca e di intervento, un nuovo fronte di approfondimento e di supporto all’educazione interculturale: che favorisce una ‘cultura dell’incontro’, spesso richiamata da Papa Francesco.   migrantes on line

Migrantes on line – 5 gennaio 2016

LA PAROLA DEL PAPA DURANTE L’ANGELUS del 14 febbraio 2016

Nella prima Lettura di questa domenica, Mosè fa al popolo una raccomandazione. Nel momento del raccolto, nel momento dell’abbondanza, nel momento delle primizie non dimenticarti delle tue origini, non dimenticarti da dove provieni. 

papa-francesco

Cari Fratelli e Sorelle,

L’azione di grazie nasce e cresce in una persona e in un popolo che sia capace di fare memoria. Ha le sue radici nel passato, che tra luci e ombre ha generato il presente. Nel momento in cui possiamo rendere grazie a Dio perché la terra ha dato il suo frutto e così possiamo produrre il pane, Mosè invita il suo popolo ad essere memore enumerando le situazioni difficili attraverso le quali è dovuto passare (cfr Dt 26,5-11)

. In questo giorno di festa, in questo giorno possiamo celebrare quanto buono è stato il Signore con noi. Rendiamo grazie per l’opportunità di essere riuniti nel presentare al Padre Buono le primizie dei nostri figli e nipoti, dei nostri sogni e progetti. Le primizie delle nostre culture, delle nostre lingue e delle nostre tradizioni. Le primizie del nostro impegno…

Read More

L’INCONTRO FRANCESCO-KIRILL È DAVVERO STORICO

Il 12 febbraio è avvenuto a  Cuba un fatto davvero straordinario: papa Francesco ha incontrato S. S. Kirill,  patriarca di Mosca e di tutta la Russia.

-SS. Francesco-Metropolita Hilarion , del Patriarcato di Mosca 20-03-2013 - (Copyright L'OSSERVATORE ROMANO - Servizio Fotografico - photo@ossrom.va)Straordinario  perché  un  Papa non si era mai  incontrato con  un Patriarca di Mosca, poi perché l’incontro è avvenuto a Cuba,      cosa inimmaginabile solo un anno fa. Riportiamo la riflessione di Massimo Faggioli, giornalista e vaticanista del quotidiano on line Huffington Post.

L’incontro tra papa Francesco e il patriarca di Mosca Kirill è un grande momento nella storia del cristianesimo e non c’è motivo di esitare a usare l’aggettivo storico. Era l’incontro più atteso e più difficile, per lo stratificarsi degli ostacoli: non teologici, ma di ordine politico interno, internazionale, e di equilibri interni all’ortodossia e al cattolicesimo orientale. L’articolo continua nell’ Allegato.

MANI ROSSE PER DENUNCIARE LA TRAGEDIA DEI BAMBINI-SOLDATO

Il 12 febbraio è stata ricordata la 12a Giornata Mondiale per ricordare i bambini soldato. Sono infatti più di 300.000 i minori di 18 anni attualmente impegnati in conflitti nel mondo e la maggioranza di questi hanno dai 15 ai 18  anni, ma ci sono anche reclute di 10 anni e la  tendenza è verso un abbassamento dell’età. Il problema è più grave in Africa e in Asia, ma anche parecchi Stati d’America e d’Europa reclutano minori nelle loro forze armate. Inoltre negli ultimi 10 anni è stata documentata la partecipazione di bambini dai 10 ai 16 anni in ben 25  Paesi. Anche le ragazze, sebbene in misura minore, sono reclutate e frequentemente soggette allo stupro e a violenze sessuali. Anche nella storia passata i ragazzi sono stati usati come soldati, ma negli ultimi anni questo fenomeno è in netto  aumento perché è cambiata la natura della guerra, diventata oggi prevalentemente etnica, religiosa e nazionalista.Progetti_Coopi_RepCongo_pezzo-principale_1

  L’uso di armi automatiche e leggere ha reso più facile l’arruolamento dei minori; oggi un bambino di 10 anni può usare un AK-47 come un adulto. I ragazzi, inoltre, non chiedono paghe, si  fanno indottrinare e controllare più facilmente di un adulto, affrontano il pericolo con maggior incoscienza  (per esempio attraversando campi minati o intrufolandosi nei territori nemici come spie). Per i ragazzi che sopravvivono alla guerra e non hanno riportato ferite o mutilazioni, le conseguenze sul piano fisico sono comunque gravi: denutrizione, malattie della pelle, AIDS. Inoltre ci sono le ripercussioni psicologiche dovute al fatto di essere stati testimoni o aver commesso atrocità. Senso di  panico e incubi continuano a perseguitare questi ragazzi anche dopo anni. Si aggiungano le conseguenze di carattere sociale come ad esempio la difficoltà nell’inserirsi nuovamente in famiglia e nel riprendere gli studi.

Read More

Animazione Missionaria

Dalla Lettera della Domenica 06/2016

Gli impegni della Quaresima 2016 TERRA-XX_300

Su sollecitazione dei vescovi italiani che, nel Vademecum “Indicazioni alle diocesi italiane circa l’accoglienza dei richiedenti asilo e dei rifugiati” invitano non solo a manifestare un’attenzione speciale a forme e percorsi di accoglienza, ma anche ad adoperarsi per una solidarietà concreta proprio nelle terre di origine dei migranti, Caritas italiana, Missio Italia e FOCSIV (Federazione Organismi Cristiani di Servizio Internazionale Volontario) hanno deciso di costituire un tavolo di lavoro comune.  Conseguenza di  questo comune impegno è stato il lancio della Campagna IL DIRITTO DI RIMANERE NELLA PROPRIA TERRA, con l’obiettivo dichiarato di non farci dimenticare che le cause della fuga dei migranti che arrivano nelle nostre comunità dipende dal non poter accedere a beni e servizi essenziali come terra, acqua, lavoro, salute, educazione. Da qui la proposta che Missio, Caritas e Focsiv rivolgono alle loro realtà diocesane di sostenere, nel corso del Giubileo della Misericordia, una o più “Microrealizzazioni Giubilari” , con l’intento appunto di tutelare il diritto fondamentale dell’uomo a vivere nella propria terra. L’obiettivo indicato dalla CEI per la Chiesa in Italia è di finanziare complessivamente 1.000 Microrealizzazioni.

Read More

QUARESIMA 2016: OGGI CI SOFFERMIAMO SULL’ ”ANTICA” ISTITUZIONE DEL GIUBILEO

Tratto da “La Comunicazione della Domenica n.6/16”

Riportiamo la riflessione che il Papa ha tenuto nel giorno delle Ceneri, in occasione della Udienze del Mercoledì.

Logo Giubileo 2016

E’ bello e anche significativo, avere quest’Udienza proprio in questo Mercoledì delle Ceneri, cominciamo il cammino della Quaresima. Oggi ci soffermiamo sull’antica istituzione del “giubileo”, una cosa antica attestata proprio nella Sacra Scrittura. La troviamo in particolare nel Libro del Levitico, che la presenta come un momento culminante della vita religiosa e sociale del popolo d’Israele.

Vedi l’allegato per il testo completo:

CI SOFFERMIAMO SULL’ANTICA ISTITUZIONE DEL “GIUBILEO”

La parola del Papa – Angelus del 7 febbraio 2016

Tratto da “La Comunicazione della Domenica n.6/16”

Papa Francesco

Il Vangelo di questa domenica racconta – nella redazione di san Luca – la chiamata dei primi discepoli di Gesù (Lc 5,1-11).

Cari Fratelli e Sorelle,

Il fatto avviene in un contesto di vita quotidiana: ci sono alcuni pescatori sulla sponda del lago di Galilea, i quali, dopo una notte di lavoro passata senza pescare nulla, stanno lavando e sistemando le reti. Gesù sale sulla barca di uno di loro, quella di Simone, detto Pietro, e gli chiede di staccarsi un poco da riva e si mette a predicare la Parola di Dio alla gente che si era radunata numerosa. Quando ha finito di parlare, gli dice di prendere il largo e di gettare le reti. Simone aveva già conosciuto Gesù e sperimentato la potenza prodigiosa della sua parola, perciò gli risponde: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti» (v. 5). E questa sua fede non viene delusa: infatti le reti si riempirono di una tale quantità di pesci che quasi si rompevano (cfr v. 6).

Read More