RIFUGIATA SIRIANA CORRERÀ CON LA TORCIA OLIMPICA A BRASILIA

staffettaHanan Dacka, rifugiata siriana di 12 anni che vive in Brasile dallo scorso anno, correrà oggi a Brasilia portando la torcia olimpica. A seguito di un’accordo con l’UNHCR, l’Agenzia ONU per i Rifugiati, il Comitato Organizzatore dei Giochi olimpici di Rio 2016 ha selezionato Hanan per partecipare alla prima giornata della staffetta della torcia sul territorio brasiliano. Porterà la torcia lungo la Esplanada dos Ministérios poco dopo che la Fiamma olimpica lascerà il Palazzo Presidenziale. In un momento in cui il numero di persone costrette a lasciare la propria casa a causa di conflitti e persecuzioni è il più alto dalla seconda guerra mondiale, il fatto che Hanan porterà la torcia Olimpica attraverso Brasilia – spiega una nota dell’agenzia Onu – rappresenta un gesto di solidarietà verso i rifugiati in tutto il mondo.  Il tratto brasiliano della staffetta della torcia, cominciato il 3 maggio, durerà per quasi 90 giorni, concludendosi con la cerimonia inaugurale prevista per il 5 agosto nello Stadio di Maracana, dove sarà accessa la pira olimpica.

Hanan, che è arrivata in Brasile nel febbraio del 2015, vive con la sua famiglia a San Paolo. Prima viveva nella città di Idlib, nel nord-est della Siria. Quando è scoppiata la guerra, sono fuggiti dal paese e hanno cercato protezione in Giordania, dove hanno vissuto per due anni e mezzo nel campo per rifugiati di Za’atari. La famiglia ha deciso di lasciare la Giordania ed è arrivata in Brasile nell’ambito del programma di visti umanitari speciali che consente ai sopravvissuti ai conflitti di viaggiare verso il più grande paese dell’America Latina e presen- tare lì richiesta di asilo. Ad oggi, circa 8.700 sono i visti speciali rilasciati dalle autorità brasiliane, e di questi oltre 2.000 vengono dalla Siria.                Migrantes on line – 03.05.16

23/04/2016. LA PAROLA DEL PAPA AL GIUBILEO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

«Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri» (Gv 13,35).

 Cari ragazzi e ragazze,

che grande responsabilità ci affida oggi il Signore! Ci dice che la gente riconoscerà i discepoli di Gesù da come si amano tra di loro. L’amore, in altre parole, è la carta d’identità del cristiano, è l’unico “documento” valido per essere riconosciuti discepoli di Gesù. L’unico documento valido. Se questo documento scade e non si paprinnova continuamente, non siamo più testimoni del Maestro. Allora vi chiedo: volete accogliere l’invito di Gesù a essere suoi discepoli? Volete essere suoi amici fedeli? Il vero amico di Gesù si distingue essenzialmente per l’amore concreto; non l’amore “nelle nuvole”, no, l’amore concreto che risplende nella sua vita. L’amore è sempre concreto. Chi non è concreto e parla dell’amore fa una telenovela, un teleromanzo. Volete vivere questo amore che Lui ci dona? Volete o non volete? Cerchiamo allora di metterci alla sua scuola, che è una scuola di vita per imparare ad amare.

Continua nell’ ALLEGATO

URUGUAY CHIAMA… DON FRANCESCO RISPONDE E PARTE!

È ormai ufficiale: don Francesco Ruini partirà venerdì 13 maggio alla volta dell’Uruguay. È un sogno che si avvera. È un impegno che si mantiene. È un progetto che si sviluppa.

Don Francesco
Don Francesco

Poco più di tre anni fa don Federico Bragonzi lasciava l’Ufficio Missionario di Crema e con l’entusiasmo di un giovincello prendeva il volo verso l’Uruguay per ridare fiato ed energia ad una esperienza missionaria nella quale la nostra diocesi aveva investito molto prima in Venezuela e poi in Guatemala. Se don Federico ha avuto il delicato compito, lui che era rientrato dal Guatemala, di cucire insieme il vecchio al nuovo e di dare continuità al progetto missionario diocesano, spetta ora a don Francesco sviluppare il progetto, facendo in modo che la diocesi si senta di anno in anno sempre più coinvolta e corresponsabile. Non è per caso infatti che il vescovo uruguayano di S. José de Mayo, mons. Arturo Fajardo, accompagni don Federico, quando a luglio rientrerà in Italia per un periodo di ferie meritate. Sarà un segnale in più dell’importanza che le due Chiese, Crema e S. José, si incontrino a tutti i livelli e si scambino i propri doni.

Per far sentire che la Chiesa di Crema è davvero vicina a don Francesco, abbiamo pensato ad un momento di preghiera insieme, sull’esempio di quello che facevano i primi cristiani, così come ci viene raccontato negli Atti degli Apostoli.

Per questo ci ritroveremo martedì 10 maggio nella parrocchia di S. Bernardino, alle ore 21:15, in un momento di preghiera e di riflessione per salutare don Francesco che ci rappresenta e ci precede in Uruguay.

L’INNOCENZA RUBATA: LO SFRUTTAMENTO SESSUALE DEI BAMBINI

INNOCENZAContinua la riflessione del Gruppo Missionario di Scannabue sullo sfruttamento dei bambini e del lavoro minorile. Questa volta viene affrontato un aspetto particolarmente odioso: lo sfruttamento sessuale. Soprattutto perché, e questo è il dato più allarmante che non può essere ignorato, l’industria sessuale è in continua crescita e l’età dei bambini diminuisce sempre di più.                                                                       Continua nell’ALLEGATO

CHIEVE: RIFLESSIONI SULL’ENCICLICA LAUDATO SÌ’

don Bruno Bignami
don Bruno Bignami

La Laudato sì’ è senza dubbio uno dei documenti più politici e radicali di papa Francesco. Non a caso è stato criticato da più parti ed al momento è messo un po’ in disparte. Per questo ci sembra altamente meritevole l’iniziativa promossa a Chieve. Anche perché non si tratta di un’idea isolata, ma è il frutto di uno sforzo congiunto, sinergico, come si ama dire oggi, di quattro realtà presenti e operative sul territorio: ACLI, Gruppo Terzo Mondo, Caritas, Consiglio Pastorale Parrocchiale. L’incontro avrà luogo mercoledì 4 maggio, alle ore 21, presso il salone dell’Oratorio. Il tema sarà svolto da don Bruno BIGNAMI , docente presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose ed esperto in temi ambientali.

Per maggiori informazioni vedere la LOCANDINA

 

CONCLUSA LA DECIMA EDIZIONE DELLA SCUOLA DI PACE

Prof. Giorgio del Zanna
Prof. Giorgio del Zanna

IN-MIGRAZIONI, storie di viaggi è stato l’argomento centrale della decima edizione della SCUOLA DI PACE, che si è conclusa mercoledì scorso, 20 aprile, con l’intervento del prof. Giorgio del Zanna, presidente della Comunità di S. Egidio di Milano. Oltre 120 gli studenti coinvolti appartenenti a sei Istituti Superiori cittadini. Sei invece le Associazioni impegnate nel progetto: Acli, Caritas, Coop. La siembra, Libera, Ufficio Migrantes, Ufficio Missionario.

Dietro ogni persona c’è un mondo di passioni, sogni, desideri” (Istituto Sraffa)
Non avere pregiudizi significa non dar retta agli stereotipi che dominano la nostra società” (Istituto Racchetti)
Voglio un futuro, voglio essere umano” (ITIS)

Continua nell’ALLEGATO

 

 

LA PAROLA DEL PAPA DURANTE IL REGINA COELI – 17 aprile 2016

 Il Vangelo di oggi (Gv 10,27-30) ci offre alcune espressioni pronunciate da Gesù durante la festa della dedicazione del tempio di Gerusalemme, che si celebrava alla fine di dicembre.

 Cari Fratelli e Sorelle, buona Pasqua!

17 aprileEgli si trova proprio nell’area del tempio, e forse quello spazio sacro recintato gli suggerisce l’immagine dell’ovile e del pastore. Gesù si presenta come “il buon pastore” e dice: «Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano» (vv. 27-28). Queste parole ci aiutano a comprendere che nessuno può dirsi seguace di Gesù, se non presta ascolto alla sua voce. E questo “ascoltare” non va inteso in modo superficiale, ma coinvolgente, al punto da rendere possibile una vera conoscenza reciproca, dalla quale può venire una sequela generosa, espressa nelle parole «ed esse mi seguono» (v. 27). Si tratta di un ascolto non solo dell’orecchio, ma un ascolto del cuore!

Dunque, l’immagine del pastore e delle pecore indica lo stretto rapporto che Gesù vuole stabilire con ciascuno di noi. Egli è la nostra guida, il nostro maestro, il nostro amico, il no- stro modello, ma soprattutto è il nostro Salvatore. Infatti la frase successiva del brano evan- gelico afferma: «Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno può strapparle dalla mia mano» (v. 28). Chi può parlare così? Soltanto Gesù, perché la “ma no” di Gesù è una cosa sola con la “mano” del Padre, e il Padre è «più grande di tutti» (v. 29).

Read More

16 aprile – LESBO, CROCEVIA DELL’UMANITÀ FERITA

Papa Francesco e il Patriarca di Costantinopoli gettano delle corone di fiori in mare
(Papa Francesco e il Patriarca di Costantinopoli gettano delle corone di fiori in mare)

Ogni gesto compiuto da papa Francesco suscita una grande emozione perché non si limita a toccare esclusivamente la sfera della fede. Questo viaggio a Lesbo è stata una forte risposta politica alle chiusure che da più parti d’Europa stanno prendendo forma e sostanza e un chiaro messaggio ecumenico con il coinvolgimento del patriarca di Costantinopoli Bartolomeo e l’arcivescovo ortodosso di Atene Ieronymos. Come a dire che la più grande emergenza umanitaria dopo la II Guerra Mondiale può essere affrontata con successo solo se uniamo le forze al di là di qualunque credo politico o religioso.

Per questo, oltre al discorso del Papa (vedi ALLEGATO 1), ci è sembrato significativo presentare il testo delle Preghiere dei tre esponenti religiosi (vedi ALLEGATO 2 ) e la Dichiarazione congiunta sottoscritta dai tre (vedi ALLEGATO 3 )

DOMENICA 24 APRILE GIORNATA DI PREGHIERA E DI SOLIDARIETÀ PER L’UCRAINA

UCRAINALa popolazione dell’Ucraina soffre da tempo per le conseguenze di un conflitto armato, dimenticato da tanti. Come sapete, ho invitato la Chiesa in Europa a sostenere l’iniziativa da me indetta per venire incontro a tale emergenza umanitaria. Ringrazio in anticipo quanti contribuiranno generosamente all’iniziativa, che avrà luogo domenica prossima, 24 aprile”. Questo l’appello lanciato mercoledì scorso da Papa Francesco ricordando il dramma che sta vivendo in questi ultimi mesi la popolazione Ucraina.
Domenica prossima si terrà, infatti, una raccolta in tutte le chiese cattoliche europee.
“Una Giornata – sottolinea Mons. Gian Carlo Perego, Direttore generale della Fondazione Migrantes – per non dimenticare il dramma di una guerra silenziosa che ha fatto 1 milione di profughi, centinaia di morti; e per non dimenticare anche un popolo di oltre 200.000 persone che vivono nel nostro Paese, tra cui 40.000 fedeli cattolici con 55 cappellani che seguono le attività pastorali di 130 comunità greco-cattoliche ucraine di rito bizantino”.

Read More

IL SENATO APPROVI SUBITO IL DDL DI RIFORMA DELLA CITTADINANZA

italia sono anch'ioSi è svolta in commissione Affari Costituzionali del Senato l’audizione di alcune associazioni che si occupano di diritti di migranti e della Campagna L’Italia sono anch’io alla quale aderiscono, tra gli altri, la Migrantes e la Caritas Italiana. Oggetto dell’audizione è stato il ddl sulla cittadinanza licenziato dalla Camera e ora al vaglio del Senato.
A nome della Campagna ha parlato Neva Besker, della Rete G2, che ha ribadito il giudizio complessivamente critico sul testo approvato in prima lettura. La Besker, nel suo intervento, ha ricordato che L’Italia sono anch’io ha raccolto più di 200mila firme per due proposte di legge di iniziativa popolare: una per la riforma dell’attuale legislazione sulla cittadinanza, l’altra per il diritto di voto alle amministrative degli stranieri residenti. La proposta di legge di iniziative popolare di riforma della cittadinanza prevede l’introduzione dello “ius soli”, sia pure in forma temperata (il diritto viene attribuito nel caso uno dei genitori abbia da almeno un anno il permesso di soggiorno) e un iter particolare per i minorenni di origine straniera arrivati da piccoli in Italia.
Il ddl licenziato dalla Camera presenta invece molte “criticità e carenze”, per esempio sul tema delle naturalizzazioni (che non viene nemmeno affrontato), sulle misure atte ad evitare la discrezionalità delle pubbliche amministrazioni nella valutazione delle singole richieste di cittadinanza, sull’introduzione della clausola del possesso, da parte di uno dei genitori, della Carta di lungo soggiornante, il cui rilascio è legato al reddito e alle dimensioni dell’abitazione, sulla normativa che riguarda i minori arrivati da piccoli in Italia.

Nelle sue conclusioni, tuttavia, la presidente della Commissione, senatrice Finocchiaro, non ha fornito rassicurazioni sui tempi di discussione.
La Campagna ritiene “grave che l’esame del ddl non sia stato nemmeno calendarizzato, dimostrando così indifferenza alla volontà di integrazione delle nuove generazioni di italiani con cittadinanza diversa” e chiede che tutti “facciano quanto di loro competenza per inserire in tempi rapidi e certi l’esame del ddl da parte del Senato”.

Migrantes on line – 02.04.2016