Articles Tagged with RIFLESS

Enrico con la Commissione Missionaria e Migrantes

Carissime, Carissimi,

                               il giorno 25 novembre di ogni anno viene celebrata la “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”. Si tratta di una ricorrenza istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, nel 1999, in ricordo dell’assassinio, avvenuto il 25 novembre 1960, delle sorelle Mirabal, per mano del dittatore domenicano Trujillo, al cui potere si opponevano ed ha lo scopo di sensibilizzare tutta la popolazione mondiale sull’argomento, dando supporto alle donne e ai minori vittime di violenza fisica e psicologica.
Tuttavia, nonostante l’attenzione sempre maggiore degli organi di informazione e dell’opinione pubblica, la situazione non tende a migliorare. Sono infatti già 109 le vittime di femminicidio nel 2021 in Italia, come emerge da un report del ministero dell’Interno, mentre più 20mila le donne prese in carico dai centri antiviolenza secondo la Rete D.i.Re (Donne in rete contro la violenza).
A questo proposito ci sembra importante riportare quanto dice la Rete Con-Tatto (rete contro il maltrattamento alle donne sul Territorio Cremasco), che, costituitasi il 1° gennaio 2010 dall’adesione di sessantaquattro soggetti, è molto attiva nel combattere la violenza contro le donne.          Continua nell’ ALLEGATO

————————————————————

Enrico e le Commissioni Missionaria e Migrantes

Carissime, carissimi,
                              so che a molti non è piaciuto che la Veglia missionaria, così come da anni siamo abituati a viverla, sia stata “annacquata” in un’altra Veglia, quella che ha dato il via a un Sinodo che ha e avrà risonanza mondiale. Spesso abbiamo l’impressione che tutto quanto viene da Roma sia per forza un’imposizione, una fatica in più che mette scompiglio nei nostri programmi, fin troppo precisi ed articolati.

No, non credo che sia così! Non credo che il Papa sia così crudele da caricare di un altro fardello le nostre spalle già affaticate… Credo che Francesco abbia scelto questo momento storico, contrassegnato da una profonda crisi umana, politica e religiosa per spingerci a fare tesoro delle tante riflessioni che sono fiorite all’interno delle nostre comunità e che non devono andare perdute, sotto la spinta di una malintesa ripresa che vuole riportare tutto a com’era prima della pandemia. Non si tratta di fare un lavoro in più, quanto di rileggere quanto già stiamo facendo alla luce di un cammino comune, cioè sinodale, che deve contraddistinguere la vita delle nostre Chiese in tutte le suddivisioni: Diocesi, Unità Pastorali, Parrocchie, piccole Comunità.         Continua nell’ ALLEGATO

————————————————————