Lettere dalle missioni

BASTA UN FIAMMIFERO… (Padre Zanchi)

3a. P. ZanchiPadre Zanchi ci scrive dal Bangladesh, ma non si limita a ringraziare. Con un piccolo racconto ci spiega come una solidarietà contagiosa (quella sì deve esserlo) può davvero fare miracoli.

Carissimi Amici di Crema,    cordiali saluti dalla missione di Suihari.
Al Centro Missionario, alla Parrocchia di S. Bernardino e a tutti gli amici che ci sostengono generosamente, anche a nome di tutti i poveri aiutati vi diciamo “GRAZIE DI CUORE” per la vostra bontà e solidarietà, e vi auguriamo un SERENO ANNO NUOVO

La missione riesce ad offrire aiuto perché persone buone come voi donano e ci permettono di dare una mano a chi ha veramente bisogno. Per questo assicuriamo la nostra preghiera. Il Signore protegga voi e i vostri cari dal Coronavirus, vi doni buona salute e tanta speranza.          Continua nell’ ALLEGATO

———————————————————

UN GIORNO DA RICORDARE (Suor Giovanna Calabria)

“NON E’ MAI TARDI PER DARE IL VIA A QUALCOSA DI BUONO”
“NON E’ MAI TARDI PER DARE IL VIA A QUALCOSA DI BUONO”

UGANDA – GULU

Il 9 Dicembre 2020 è stato un giorno che ricorderò con gioia e riconoscenza al Signore: giorno d’incontro e condivisione con un gruppo di donne reduci dalla triste esperienza d’aver trascorso alcuni anni della loro fanciullezza ed adolescenza con i ribelli di Joseph Kony.
Credo sia utile, per aiutare ad entrare nel contesto di ciò che sto narrando, riportare alcune notizie sugli avvenimenti, che a partire dal 1987, che hanno coinvolto particolarmente la zona Nord dell’Uganda.
Un pazzo e visionario, dal nome Joseph Kony, disse di aver ricevuto un comando dal Signore per far vivere i comandamenti che la gente aveva dimenticato e poi di prendere in mano il governo del Paese.
Non so come un pazzo di questo tipo riesca a trovare dei seguaci, ma la realtà è che, da un gruppetto iniziale di sbandati, in poco tempo i suoi seguaci aumentarono e, scorrazzando nei villaggi, si diedero a saccheggiare, incendiare, uccidere e sequestrare ragazzini/e per poi istruirli a fare lo stesso.
Le statistiche dicono che negli oltre 22 anni di attività i ribelli si sono resi responsabili di oltre 100.000 morti e di 30.000 sequestri, in maggioranza ragazzini/e dagli 8 anni in su.
In questi anni ho incontrato molte donne reduci dalla questa esperienza di vita con i ribelli: alcune sono riuscite a formare dei gruppetti dove potersi riunire e condividere il vissuto cercando una via per sostenersi.           Continua nell’ ALLEGATO

————————————————————

CELEBREREMO IL NATALE, MA SENZA LA GIOIA E LA SERENITÀ DEGLI ALTRI ANNI

2a. S. Natale P. ZanchiPadre Zanchi ci racconta in questa breve, ma densa lettera, la difficile situazione che stanno vivendo in Bangladesh.                                                                 

Santo Natale 2020 –          

Carissimi Amici di Crema , cordiali saluti dalla missione di Suihari!
Abbiamo cominciato il nuovo anno con tanta buona volontà programmando tante iniziative, che purtroppo sono state bruscamente interrotte e cancellate per l’arrivo e per la diffusione della pandemia di Coronavirus.
Il governo ha dichiarato il lockdown il 18 marzo ’20 chiudendo scuole, università, uffici, industrie tessili, mezzi di trasporto, luoghi di culto…dando obbligatorie disposizioni sanitarie di prevenzione e di difesa dal coronavirus. Mentre alcune attività e ambienti sono stati poi parzialmente aperti, non così per la scuola, con grave danno per gli studenti, soprattutto di quelli che vivono nei villaggi.
Anche i ragazzi/e dei nostri due Ostelli sono tornati a casa. Non sappiamo ancora quando  e come potremo riprendere le nostre attività e la nostra scuola. Il Ministro dell’Istruzione continua a ripetere che non ci sono ancora condizioni favorevoli per una riapertura.          Continua nell’ ALLEGATO

————————————————————

NATALE TEMPO PER TRASFORMARE LA FORZA DELLA PAURA IN FORZA DELLA CARITÀ E DELLA CONDIVISIONE (P. Angelo RIBOLI)

3a. P. Angelo RiboliCarissimi Amici di Crema,

stiamo vivendo  un momento molto particolare  della nostra vita. Stiamo lottando contro un nemico invisibile che ci sta distruggendo. Nessuna nazione, nessun popolo, nessuna cultura nessun potere è immune da questo virus che ci sta condizionando e annientando  giorno dopo giorno.
La Santa Pasqua è stata celebrata a porte chiuse. Ognuno ha vissuto il Triduo Pasquale in solitudine o in ambito familiare uniti in collegamento a mezzo computer con il resto della comunità Cristiana.
Anche noi in Kenya siamo stati condizionati dagli avvenimenti e delle restrizioni dal Coronavirus.
In un primo momento sono state chiuse le scuole di tutti I gradi di formazione. Di conseguenza le Chiese e i luoghi di culto; invitati ad evitare le uscite non necessarie; il coprifuoco dalle 7 di sera alle 5 del mattino.
Obbligo delle mascherine.          Continua nell’ ALLEGATO

————————————————————

FARE UN PASSO ALLA VOLTA E SOPRATTUTTO STARE (don Paolo ROCCA )

4a. Articolo P. Paolo-Un momento della celebrazione delle Prime ComunioniQuesta la filosofia (tratta dall’esperienza di padre Gigi Maccalli) che anima l’impegno missionario di don Paolo, che approfitta del Natale per scriverci e fare il punto della situazione di un anno importante, anche se piuttosto difficile.

Delta del Tigre, 11/12/2020

Un caloroso saluto e augurio da questa parte del mondo!
Siamo giunti nuovamente a Natale e alla fine dell’anno. Qui oltre a concludere l’anno solare/civile si conclude anche quello pastorale ed è momento di tirare le somme. Un anno pastorale vissuto completamente con l’emergenza sanitaria del Covid-19 e come già vi dicevo nella lettera pasquale con paure e timori principalmente da parte dei parrocchiani più anziani.
Nonostante le limitazioni iniziali il protocollo d’intesa Stato-Chiesa ha permesso celebrazioni e riunioni varie (compresa la catechesi… i nostri numeri attuali lo permettono).
Abbiamo salutato il nostro Vescovo Arturo e accompagnato nella sua nuova Diocesi di Salto.
Il seminarista Emiliano Garcia, che ha ripreso gli studi teologici in seminario a Montevideo, condivide la vita con noi e la parrocchia solo nel fine settimana.
Come pianificato siamo riusciti a ricavare un orto, in un angolo del giardino di casa e, seguito da don Federico, ha già dato i suoi frutti.          Continua nell’ ALLEGATO

————————————————————

NATALE È VICINO, ANCHE SE SI VIVE ALLA GIORNATA (Sr. Maria Marrone )

5a. Foto 1 5b. Foto 2Situazioni molto diverse dalle nostre quelle raccontate da suor Maria Marrone, comboniana che vive in Uganda… Quello che conta è la fraternità che si crea e la capacità di arrangiarsi. Sempre!

Carissimi, siamo all’inizio del mese di dicembre e già si sentono i canti di Natale risuonare nelle varie radio lungo le strade del nostro paesino. Anche se il Coronavirus cerca di opprimere l’animo della gente, questi canti danno tanta gioia. Stiamo ancora andando nelle famiglie a far visita ai loro bambini e la gioia di rivederci dopo tanti mesi, è una vera festa. I bambini si chiamano tra loro, chiamano gli altri fratelli…è festa, la gioia dell’incontro. I bambini sanno che stiamo andando a trovarli per Natale e portare loro qualcosina di bello, di utile e piacevole.
Ovviamente da noi in Europa non si pensa nemmeno che Babbo Natale porti un po’ di zucchero per il tè, riso, olio, sale sapone e un po’, di pesciolini secchi. Abbiamo anche qualche piccolo peluche rimasto indietro dall’anno scorso. Cercheremo di raggiungerli anche se lontani.          Continua nell’ ALLEGATO

————————————————————

DIO CI AMA E CI DÀ LA SUA PACE (suor A. MARCHESINI)

5a. La distribuzione delle BibbieQuasi due mesi fa, da queste pagine, rilanciammo la proposta di madre Amelia Marchesini canossiana, che lavora nel nord del Brasile, la quale, oltre a portare cibo alle famiglie povere rese ancora più povere dalla pandemia, voleva offrire anche un altro cibo: la Parola di Dio. Gli aiuti sono arrivati, 2.000 euro, e immediatamente inviati e questa è la risposta di Madre Amelia.

Imperatriz, 31 ottobre 2020

Quanta gioia nel mio cuore! Quanta gente ho visto letteralmente felice per poter abbracciare la PAROLA (la Bibbia) che non avevano mai potuto avere.
Abbiamo consegnato la prima Bibbia ad una vecchietta di 102 anni che ha sempre partecipato alla vita della Comunità, ma ora, divenuta cieca, è costretta a stare in casa. Nell’entrare nella sua casa, fu felice di udire la voce del parroco e della suora, ma non disse nulla. Nel momento in cui le consegnai la Bibbia dicendo che era proprio per lei, aprì gli occhi e, anche senza veder niente, si allargò in un sorriso, due lacrime le spuntarono dagli occhi e mi abbracciò forte forte dicendomi: “Non ho mai potuto avere una Bibbia, ma Gesù mi ha premiata alla fine della mia vita”.          Continua nell’ ALLEGATO

————————————————————

PADRE ZANCHI CI SCRIVE DALLA MISSIONE

UFFACarissimo Enrico, cordiali saluti dalla missione di Suihari, Dinajpur.

Scusa il ritardo nel rispondere a questo tuo messaggio. A te CMD, alla parrocchia di Bagnolo e al Gruppo missionario e Amici dei lebbrosi di Sergnano un grazie di cuore per la generosa solidarietà per i poveri in questo tempo di emergenza. Lascio al Signore dare la giusta ricompensa. L’ho detto al Signore nella mia preghiera.
Il Coronavirus non dà tregua. Il governo ieri ha rilasciato questi dati ufficiali: totale contagiati 292.625; guariti 175.567; morti 3.907. Da una settimana, ogni giorno, a Dinajpur città la popolazione viene invitata a seguire le norme date per affrontare l’epidemia virus (portare maschera – 200 taka di multa a chi gira senza – osservare la distanza, evitare assembramenti, lavarsi bene le mani, ai primi sintomi rivolgersi al dottore…) perché si sta diffondendo velocemente (2mila casi), ma non pare che la gente dia peso. Un esempio: ieri è stato sepolto un giovane della parrocchia che soffriva di epilessia, era andato a pescare da solo e non vedendolo tornare a casa i giovani sono andati a cercarlo e lo hanno trovato nell’acqua morto probabilmente per una crisi epilettica (qui non si fanno autopsie). Al funerale tanta gente ha partecipato e pochissimi con la mascherina.
Oltre il Coronavirus quest’anno la stagione delle piogge sta registrando una abbondante violenta pioggia quasi ogni giorno. Tanti distretti sono andati sott’acqua soprattutto al centro sud del Bangladesh.         Continua nell’ ALLEGATO

————————————————————

L’ARRIVO INASPETTATO DI CIBO HA APERTO IL LORO CUORE ALLA LODE A DIO PADRE DEI POVERI (s. Maria MARRONE)

4a. Una bella immagine di suor MariaAncora suor Maria Marrone, comboniana che lavora in Uganda, ci scrive raccontando come ha usato il denaro che ha ricevuto da Crema. Un dono inaspettato trasformato in vera e propria manna per i tanti diseredati che popolano la savana africana.

Lira, Aboke, agosto 2020

Carissimi Amici di Crema,
le famiglie sono tante e questi mesi sono difficili per loro. Molti non si aspettavano il nostro arrivo col cibo, per cui hanno visto davvero il Segno della Provvidenza di Dio in mezzo a loro.
Il nostro visitarli nei loro villaggi è stato anche un momento di incontro e di ascolto dei loro disagi e sofferenze. Molte donne lasciate sole con tanti bambini fanno fatica a perdonare chi le ha abbandonate. La legge del clan spesso si dimentica degli insegnamenti di Gesù, con atteggiamenti fondamentalmente pagani. Troppi orfani soffrono l’abbandono, la solitudine nonostante la tenera età. Cerchiamo di infondere coraggio e speranza perchè sappiamo che la loro vita vale di più di molti passeri…( Mt, 10,31)
Mamma Rose, vedova da qualche anno, non è di qui, viene dal Congo. La famiglia si è stabilita qualche anno fa, sulla terra del marito, ma la donna non è ufficialmente sposata, per cui I bambini risultano di nessuno.            Continua nell’  ALLEGATO

————————————————————

NONOSTANTE IL CORONAVIRUS, CONTINUIAMO A CREDERE, SPERARE, LAVORARE (P. Anthony Thota)

4a. Nonostante il coronavirus...Padre Anthony Thota ci scrive un’altra lettera dalla sua parrocchia in India, dove nonostante tutto fervono i lavori e la gente affronta con coraggio una situazione davvero difficile.

Srungavruksham, 13 agosto 2020

Care amiche e cari amici,
con questa lettera vorrei informarvi dell’attuale situazione in India e nella mia parrocchia di Srungavruksham.
In questo ultimo periodo la pandemia di Coronavirus si sta diffondendo in India e ogni giorno si contano circa 50.000 in India e nel mio stato  10.000 nuovi casi. La situazione è particolarmente seria nelle zone rurali, come ad esempio nella mia parrocchia, dove non ci sono ospedali che possono assistere in tempi rapidi i contagiati e per avere assistenza medica le persone devono fare molti chilometri per arrivare alle città vicine. Vi do testimonianza di tre eventi accaduti nella mia missione in questa settimana: 1. una donna incinta positiva al Coronavirus ha avuto un bambino; 2. una donna incinta positiva al Covid ha avuto una bambina; 3. una donna di nome Marta di 25 anni di età e incinta di due gemelli proprio questa notte, a mezzanotte del 13 agosto 2020, era in grande difficoltà perché gli ospedali non l’hanno accettata e, sotto la pioggia, è andata con la famiglia e il marito a Eluru per 100 chilometri per partorire. Come sempre e in particolar modo nei mesi scorsi, quando l’epidemia era particolarmente grave in Italia, preghiamo per voi e per i vostri cari. Vi chiediamo di pregare per noi e per queste mamme in questo periodo così difficile.        Continua nell’ ALLEGATO

————————————————————